Socialize

Rabat accusa Teheran: armi al Polisario. E rompe le relazioni diplomatiche

    di  .  Scritto  il  2 maggio 2018  alle  6:00.

Il governo marocchino ha rotto le relazioni diplomatiche con l’Iran. La decisione è stata annunciata ieri dal ministro degli Affari esteri, Nasser Bourita, che nel corso di una conferenza stampa ha accusato Teheran di aver facilitato l’invio di armi al Fronte Polisario attraverso l’intermediazione di Hezbollah, suo alleato libanese.

Non è la prima volta che Rabat rompe le relazioni con l’Iran: era già successo tra il 2009 e il 2014; in quella occasione a motivare la decisione era stato il presunto ‘attivismo’ religioso di Teheran in Marocco.

Questa volta l’accusa riguarda un sostegno diretto al movimento che si batte per l’autodeterminazione del Sahara occidentale, l’ex colonia spagnola occupata nel 1975 dai marocchini.

Bourita ha negato che ci siano collegamenti tra la decisione presa e i contrasti che da tempo contrappongono l’Iran all’Arabia Saudita. Secondo la ricostruzione fatta da Bourita, le armi sarebbero state consegnate attraverso l’Ambasciata iraniana in Algeria (Paese che sostiene il Polisario). L’Ambasciatore marocchino in Iran ha lasciato Teheran martedì, Bourita ha detto di aver chiesto al rappresentante di Teheran a Rabat di lasciare quanto prima il Paese.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *