Socialize

Libia: quali scenari politici con un Haftar più debole? Reale il rischio di maggiori instabilità

    di  .  Scritto  il  18 aprile 2018  alle  5:00.

Dopo una settimana di notizie contraddittorie, diverse fonti riferiscono che il generale Khalifa Haftar potrebbe essere sopravvissuto a una grave malattia e starebbe trascorrendo la convalescenza in un ospedale militare francese. Ripercorrendo gli ultimi sviluppi, in un articolo pubblicato da Al Jazeera, Guma El-Gamaty prova a fare un’analisi della situazione vista dall’interno. Ovviamente è anche un’analisi di parte, dal momento che El-Gamaty guida il partito Taghyeer ed è membro del processo di dialogo politico sostenuto dalla missione dell’Onu in Libia.

Il punto di partenza dell’analisi fa capo a una legittima considerazione: un Haftar con problemi di salute, rende lo stesso generale necessariamente più debole da un punto di vista politico; anzi, una sua incapacità fisica potrebbe portare instabilità tra i ranghi della sua Libyan National Army (Lna), attualmente presente soprattutto nell’est del Paese.

Haftar nel tempo ha messo insieme un composito gruppo composto da truppe regolari, gruppi armati tribali e salafiti. “Giocando insieme un ruolo da leader militare e da leader politico – scrive El-Gamaty – il generale ha raccolto dietro la sua Operazione Dignità le principali tribù della Cirenaica, gruppi salafiti pesantemente sostenuti dall’Arabia Saudita, e si è giovato di un ampio supporto regionale che va dall’Egitto agli Emirati Arabi Uniti, del supporto internazionale della Francia e in misura minore della Russia”.

Il dilemma che ora attraversa i vari sostenitori del generale riguarda la tenuta del campo di Haftar dal momento che nel frattempo non sono emersi altri leader della stessa caratura. Secondo El-Gamaty l’assenza di un potenziale sostituto potrebbe dunque aprire una fasi di instabilità con conseguenze non soltanto per l’est ma per tutto il Paese.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *