Socialize

Siria: la Turchia avanza lungo i confini settentrionali, i curdi promettono battaglia

    di  .  Scritto  il  20 marzo 2018  alle  6:00.

Alla fine ad Afrin a vincere è stato Recep Tayyip Erdogan. Il presidente turco ha incassato la vittoria delle sue truppe e delle milizie siriane alleate contro i curdi dell’Ypg e ha annunciato nuove azioni militari. Il conflitto siriano sembra dunque entrare in una nuova fase, con la Turchia a dettare le condizioni e la Siria di Assad sostenuta dalla Russia a spegnere le ultime sacche di resistenza attorno a Damasco.

Che poi la guerra non sia mai pulita lo dicono le immagini che ieri arrivavano da Afrin con i miliziani fedeli ad Ankara che saccheggiavano negozi e qualunque altra cosa rivendibile. Immagini di conflitto dai mille fronti e dai proclami. Tra i proclami ci sono stati anche quelli dei curdi che hanno promesso di trasformare Afrin in un fronte permanente per la Turchia.

Intanto però da Afrin sono fuggiti 250.000 civili, molti dei quali si sono diretti in direzione di Manbij. E proprio Manbij, città a circa 100 chilometri di distanza, potrebbe essere il prossimo obiettivo della Turchia. Il timore espresso dai curdi è che Ankara intenda cambiare l’assetto demografico della regione, sostituendo i curdi con arabi e turcomanni.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *