Socialize

Gerusalemme contesa, la risposta dei Paesi musulmani a Trump

    di  .  Scritto  il  14 dicembre 2017  alle  6:00.

L’Organizzazione per la cooperazione islamica (Oic), riunita ieri in Turchia, ha dichiarato Gerusalemme Est capitale della Palestina. Questa la prima risposta organizzata dal lato musulmano contro la decisione degli Stati Uniti di dichiarare invece Gerusalemme capitale dello Stato di Israele.

In precedenza, anche l’Unione Europea aveva criticato la decisione del capo di Stato statunitense, Donald Trump, nel corso di un incontro a Bruxelles del primo ministro israeliano benjamin Netanyahu.

Nel corso del vertice in Turchia, i 57 membri dell’Oic hanno ribadito il sostegno a un accordo di pace giusto e onnicomprensivo basato sulla soluzione dei due Stati.

Nonostante le forti dichiarazioni e la minaccia di interrompere le relazioni con quei Paesi che dovessero seguire l’esempio degli Stati Uniti, al vertice di Istanbul erano presenti solo una ventina di capi di Stato: significativa la decisione dell’Arabia Saudita di partecipare con una delegazione di basso livello. L’Egitto insieme ad altri Paesi si è invece presentato con il suo ministro degli Affari esteri.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *