Socialize

Arabia Saudita: arresti tra i dissidenti, ancora tensioni con il Qatar

    di  .  Scritto  il  14 settembre 2017  alle  7:00.

Più di venti personalità religiose e intellettuali sono stati arrestati in Arabia Saudita con accuse ancora da accertare ma che riguarderebbero azioni “contro la sicurezza del Regno” come riferito dai media nazionali. Tra gli arrestati ci sono figure di spicco, molto seguite anche all’estero, come i religiosi Salman al-Odah e Awad al-Qarni.

Odah, che lo scorso venerdì era intervenuto su Twitter (ha 14 milioni di follower) esprimendosi a favore di un riavvicinamento tra Arabia Saudita e Qatar, era già stato in passato in carcere (dal 1994 al 1999) per le sue vedute religiose considerate estremiste.

Anche Qarni si era espresso per un riavvicinamento tra Arabia Saudita e Qatar.

Sullo sfondo degli arresti sembrerebbe esserci il perdurante stato di tensione con il Qatar, che da giugno è stato praticamente isolato dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati. Secondo Riad, il Qatar avrebbe sostenuto gruppi terroristici o con agende politiche sovversive (tra questi i Fratelli musulmani).

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *