Socialize

I contrasti tra Qatar e Sauditi fanno da sfondo al pellegrinaggio alla Mecca

    di  .  Scritto  il  30 agosto 2017  alle  10:44.

Sono due milioni i fedeli attesi in Arabia Saudita dove da domani arriveranno musulmani di tutto il mondo per partecipare al pellegrinaggio alla Mecca. Il pellegrinaggio è uno di cinque pilastri dell’islam e deve essere compiuto almeno una volta nella vita.

Quest’anno però ci saranno pochissimi cittadini del Qatar a partecipare a causa delle tensioni politiche che dallo scorso giugno hanno opposto il piccolo Emirato a Riad e ai suoi alleati.

Arabia Saudita ma anche Emirati Arabi Uniti ed Egitto accusano il Qatar di finanziare gruppi estremisti e terroristici. Il Qatar si difende e alla chiusura dei confini terrestri (con l’Arabia Saudita) e degli spazi marittimi e aerei ha risposto ampliando lo spettro di cooperazione con Iran, Turchia e Pakistan. A mediare finora senza successo è stato il Kuwait.

In occasione del pellegrinaggio, Riad ha però riaperto il valico di frontiera di Salwa per i pellegrini qatarini e ha offerto collegamenti aerei; a Qatar Airways è attualmente interdetto l’uso dello spazio aereo saudita.

Le ‘aperture’ saudite sono però intervenute in seguito a un incontro a Jeddah tra il principe ereditario saudita Mohamed Ben Salman e un membro della famiglia regnante in Qatar, Abdallah Ben Al Al-Thani. L’incontro è stato interpretato da alcuni osservatori come il tentativo di destabilizzare l’emiro del Qatar Tamim Ben Hamad Al-Thani.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *