Socialize

Il fattore iraniano e la crisi regionale tra Qatar e Arabia Saudita

    di  .  Scritto  il  7 giugno 2017  alle  6:00.

Anche la Giordania si è unita nelle ultime ore al gruppo di Paesi arabi che ha interrotto le relazioni con il Qatar; Amman si è però limitata ad abbassare il livello delle relazioni accogliendo comunque la tesi che vuole il Qatar un Paese che ha sostenuto gruppi estremisti.Golfomediooriente

A prendersi in qualche modo il ‘merito’ di quella che è una delle crisi diplomatiche più forti mai attraversate dalla regione è stato con un paio di tweet il presidente statunitense Donald Trump che ha ricordato il suo recente viaggio in Arabia Saudita e sostenuto che quel viaggio è stato adesso ripagato.

Sullo sfondo, nell’altra sponda del Golfo Persico, c’è l’Iran. E molti osservatori sottolineano come le pressioni esercitate sul Qatar vadano proprio in direzione di Teheran. Divieto di sorvolo degli spazi aerei (di Arabia Saudita ed Egitto in particolare), confini chiusi, espulsione di diplomatici e di cittadini, chiusura delle intese finanziarie… il piccolo e ricchissimo Qatar è alle strette e le sue relazioni naturali con l’Iran sono a un banco di prova.

Il Qatar condivide infatti con il vicino Iran il più grande giacimento di gas offshore del mondo che contiene riserve stimate per 43 trilioni di metri cubici di gas. I due Paesi hanno condiviso questa ricchezza e condividono i diritti di esplorazione dell’area, e questo è soltanto uno dei tanti legami che hanno.

Il punto di vista del Qatar deve essere letto alla luce degli ingombranti vicini che ha: da una parte l’Iran, con cui condivide quelle ricchezze naturali su cui ha costruito una fortuna, dall’altra parte l’Arabia Saudita. Paesi tra di loro nemici. Dove si arriverà? Un terzo attore a questo punto potrebbe entrare in scena o il Qatar potrebbe decidere di scendere a patti.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>