Socialize

Irlanda preoccupata da Brexit, l’Europa pronta a difendere Dublino

    di  .  Scritto  il  12 maggio 2017  alle  6:00.

Il confine tra la Repubblica d’Irlanda e l’Irlanda del Nord ovvero la Gran Bretagna sarà uno degli scogli su cui i negoziati per la Brexit si infrangeranno. Da una parte c’è Dublino, europeista convinta, che deve tutelare i suoi interessi economici e la sua vicinanza alla Gran Bretagna; dall’altra parte Londra che cerca di rendere meno amara la pillola dell’addio all’Europa. Comunque vada, la strada che si imboccherà sarà quella di un compromesso, che forse non piacerà a nessuno.brexit

Il capo negoziatore dell’Unione Europea per la Brexit, Michel Barnier, ieri davanti al parlamento irlandese riunito in sessione congiunta lo ha detto chiaramente: quella del confine è una delle sue tre priorità; le dogane dovranno per forza di cose essere rimesse, ma occorrerà una dose di fantasia per trovare una soluzione accomodante per tutti.

L’uscita della Gran Bretagna, ha aggiunto Barnier, avrà delle conseguenze. Ma se questo è inevitabile, a Dublino sanno che il primo Paese europeo a pagare queste conseguenze sarà proprio l’Irlanda. Troppe le connessioni con la Gran Bretagna perché non sia così.

La soluzione dovrà essere “flessibile e creativa”, si legge nelle linee guida adottate dall’Europa. Ma la strada è ancora da trovare.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *