Socialize

La Guyana francese si ribella a Parigi e chiede più investimenti pubblici

    di  .  Scritto  il  29 marzo 2017  alle  6:00.

Sono riusciti ad accendere i riflettori dei media francesi sulla loro situazione gli abitanti della Guyana francese, scesi ieri in sciopero per denunciare lo stato di abbandono in cui versano.Guyana_500_freres

Lontani migliaia di chilometri da Parigi, questo territorio d’oltremare conficcato nell’America latina, conta oggi 250.000 abitanti (il doppio rispetto al 1990), e chiede di essere maggiormente considerato.

La questione è vecchia e in qualche modo sale agli onori della cronaca in piena campagna elettorale per le presidenziali. Ma in Guyana hanno deciso di passare dalle parole ai fatti adesso, perché altrimenti sarebbe stato molto probabilmente oblio. In piazza, su iniziativa del principale sindacato locale, l’Ugt, si è scesi perché la situazione è diventata insostenibile in termini sanitari e in termini di sicurezza.

A spingere il piede sull’acceleratore è il cosiddetto collettivo dei 500 fratelli che reclama misure decise da parte dello Stato anche contro l’immigrazione irregolare.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *