Socialize

Giordania: continua il confronto con l’Isis dopo gli attacchi di Karak

    di  .  Scritto  il  21 dicembre 2016  alle  6:00.

Stretta tra l’omicidio dell’ambasciatore russo ad Ankara e l’attentato al mercatino di Natale di Berlino, quasi inosservata è passata la notizia degli scontri armati in Giordania tra forze di sicurezza e gruppi armati collegati all’Isis. Ancora ieri, in seguito a un’operazione di polizia, quattro agenti hanno perso la vita insieme a un sospetto ai margini della città di Karak.giordania

A Karak, domenica scorsa, l’Isis aveva rivendicato l’attacco contro la cittadella crociata e un posto di polizia. In quel caso a rimanere uccise erano state dieci persone e l’Isis, rivendicando l’azione, aveva anche confermato la morte dei suoi quattro ‘soldati’.

Situata a ridosso della Siria e di Israele, la Giordania ha finora subito il conflitto siriano accogliendo centinaia di migliaia di profughi. Gli ultimi fatti evidenziano come il Paese sia nel mirino del gruppo jihadista per la sua partecipazione alla campagna in Siria a guida statunitense.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *