Socialize

Dall’economia alla sicurezza: Egitto e Israele sempre più vicine

    di  .  Scritto  il  21 novembre 2016  alle  10:35.

Le relazioni tra Egitto e Israele non sono mai state a un livello così buono come in questo momento: è questo il punto fatto proprio da un’analisi pubblicata nel sito di al-Jazeera, la televisione satellitare di proprietà del Qatar.

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu and Egyptian foreign minister Sameh Shoukry, left, attend a press conference in Jerusalem, Sunday, July 10, 2016. Shoukry's trip was the first official visit to Israel since 2007 and reflected the strong but discreet ties that have developed between the two countries in recent years. The Egyptian Foreign Ministry said Sameh's visit was aimed at reviving the Israeli-Palestinian peace process. (AP Photo/Dan Balilty)

Secondo questa analisi, a 40 anni dalla firma degli accordi di pace e dopo la parentesi della presidenza ‘ostile’ a Israele di Mohammed Morsi, il nuovo presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha inaugurato una stagione di riavvicinamento che trova conferme in diversi episodi.

A sostenerlo è in particolare Nathan Thrall, ricercatore dell’International Crisis Group, che ricorda come quest’anno il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry abbia incontrato in Israele il primo ministro Benjamin Netanyahu, visita seguita alla riapertura delle rispettive sedi diplomatiche.

Questa rinnovata partnership è stata evidente nella gestione della sicurezza nella penisola del Sinai con l’Egitto che ha potuto inviare armi e militari in deroga a quanto contenuto nel trattato di pace e Israele che avrebbe dato una mano con droni autorizzati a loro volta dal Cairo a entrare nel proprio spazio aereo.

Coincidente sarebbe poi la posizione anche su Hamas, che governa da anni la Striscia di Gaza e i due milioni di palestinesi che lì vivono.  E ci sarebbe anche collaborazione sullo sfruttamento dei giacimenti di gas scoperti al largo del Mediterraneo e sulla possibilità che Israele esporti gas in direzione dell’Egitto.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *