Socialize

Egitto: tra Cairo e Riad è guerra fredda e… di petrolio

    di  .  Scritto  il  8 novembre 2016  alle  6:00.

Dopo il riavvicinamento dei mesi scorsi con impegni per investimenti nella penisola del Sinai, Egitto e Arabia Saudita sembrano essere arrivati a una fase di tensione. Ieri il governo del Cairo ha riferito che l’Arabia Saudita ha sospeso a tempo indeterminato il trasporto di carburante verso il Paese nordafricano; una misura che contribuisce ad aumentare la pressione in un momento in cui il Cairo ha varato una serie di misure di austerità nel tentativo di assicurarsi un maxi prestito dal Fondo monetario internazionale.egittoarabiasaudita

Il portavoce del ministero del Petrolio egiziano ha detto che la società saudita Aramco – la più grande compagnia petrolifera al mondo – ha bloccato i trasferimenti “senza fornire tempi e ragioni”.

Eppure, lo scorso aprile era stata proprio l’Arabia Saudita a impegnarsi a fornire 700.000 tonnellate di carburante al mese per cinque anni a fronte di facilitazioni nei pagamenti.

Riad ha finora evitato di fare commenti ufficiali, ma secondo alcuni osservatori dietro la decisione di Aramco ci sarebbero divergenze di politica internazionale, in particolare sul conflitto siriano (con l’Egitto che ha votato a favore di una risoluzione Onu cui si oppone in maniera veemente Riad).

Per far fronte alla carenza di petrolio, l’Egitto ha così firmato un memorandum di intesa con l’Iraq, Paese considerato vicino all’Iran, ovvero al principale rivale regionale dell’Arabia Saudita.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *