Socialize

Nigeria: tornano i rapimenti nel Delta, riflettori puntati sul gruppo degli Avengers

    di  .  Scritto  il  23 giugno 2016  alle  11:31.

Almeno tre lavoratori stranieri e due nigeriani sono stati rapiti ieri da un gruppo di uomini armati non identificati nel sud della Nigeria.

Lo riferisce oggi la stampa locale, citando la polizia nigeriana secondo la quale militanti non meglio precisati hanno attaccato ieri mattina all’alba un convoglio che portava i dipendenti del gruppo minerario e ingegneristico australiano Macmahon sul luogo di lavoro.NigeriaAvengers

Secondo le ricostruzioni ufficiali gli aggressori avrebbero aperto il fuoco avendo la meglio su una pattuglia di sicurezza che scortava il convoglio e uccidendo l’autista di uno dei pulmini.

Ad essere stati rapiti, secondo le fonti ufficiali, sarebbero due cittadini australiani, un sudafricano e due nigeriani.

Fonti di stampa locali, però, ritengono che gli stranieri rapiti siano cinque e non tre, aggiungendo alla lista fornita dalla polizia un altro cittadino australiano e un neozelandese.

L’attacco è avvenuto nel distretto di Akpabuyo vicino alla capitale di Cross River State, Calabar.

La polizia ha fatto sapere di star lavorando con la marina militare nigeriana per ritrovare i sequestrati, mentre non sarebbe ancora pervenuta nessuna richiesta di riscatto.

Il rapimento di lavoratori stranieri a fine di riscatto è un problema noto nel sud della Nigeria, soprattutto nella ricca regione petrolifera del Delta del Niger.

Negli anni scorsi, poi, i rapimenti sono stati usati anche come ‘arma politica’ dai gruppi di miliziani armati che sostenevano di lottare per una più equa redistribuzione delle ricchezze petrolifere nella regione.

Una serie di accordi aveva riportato la calma nell’area, ma da febbraio 2016 un nuovo movimento armato – I Niger Delta Avengers (NDA) – ha fatto la sua comparsa, riprendendo azioni di sabotaggio e attacchi contro le installazioni petrolifere. Finora non risultano però notizie di azioni di rapimenti ad opera o rivendicate da questo gruppo.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *