Socialize

La Cina rallenta… ma la sua economia cresce ancora del 6,9%

    di  .  Scritto  il  19 gennaio 2016  alle  7:33.

La Cina cresce, ma non tanto quanto prima. Anzi, il dato di crescita del Pil del 6,9% nel 2015 – diffuso nelle ultime ore – è il più basso degli ultimi 25 anni. La notizia, in realtà attesa, ha avuto primi riflessi sulle chiusure della Borse asiatiche e certifica il rallentamento di un’economia considerata volano di crescita a livello globale.cinaeconomia

Pechino aveva fissato per il 2015 un taget del +7%, solo sfiorato, e il premier Li Keqiang aveva detto che una crescita più debole sarebbe stata accettabile se nel frattempo il mercato occupazionale fosse cresciuto. Ma gli operatori internazionali sostengono che qualunque crescita sotto il 6,8% porterebbe probabilmente a varare misure di stimolo economico. Alcuni osservatori hanno anche messo in dubbio i numeri ufficiali, ipotizzando che siano stati ‘gonfiati’; ipotesi, questa, smentita da Pechino.

Negli ultimi due anni la Cina ha sperimentato un pericoloso rallentamento che sta cercando di contrastare trasformando la propria economia da una economia di produzione industriale a un’economia di consumi e servizi. Una transizione che è in atto ma che è probabilmente molto difficile da gestire. La Cina resta comunque la seconda economia globale e resta molto lontana dal crollo; come dicono altri osservatori, ha solo rallentato.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *