Socialize

Libia, l’Isis colpisce ancora a Ras Lanuf e Zliten ma anche in Egitto

    di  .  Scritto  il  8 gennaio 2016  alle  6:57.

Non è ancora chiaro il bilancio dell’attacco avvenuto ieri contro un campo di addestramento della guardia costiera a Zliten, in Libia, ma i morti sono decine e l’attacco è stato rivendicato dall’Isis. Alcuni media algerini hanno riferito di almeno 70 morti, altre fonti hanno più cautamente indicato il numero di 50, mentre il governo di Tripoli ha parlato di 47 morti e un centinaio di feriti.zliten

Concordi invece le ricostruzioni: un camion carico di esplosivo e guidato da un attentatore suicida è riuscito a superare i controlli all’ingresso; l’esplosivo è stato fatto detonare quando il camion si trovava in prossimità di un gruppo di guardie costiere.

Nelle stesse ore un altro attentatore suicida si è fatto esplodere a Ras Lanuf, terminal petrolifero già preso di mira nei giorni scorsi. In questo caso i morti sono stati sei tra cui un bambino.

Il ministro della Salute del governo di Tripoli (concorrente dell’altro governo basato a Tobruk) ha dichiarato lo stato d’emergenza e dirottato i feriti anche verso gli ospedali di Tripoli e Misurata.

Da alcuni giorni a Zliten era stato notato un gruppo di stranieri e le autorità locali si stavano muovendo per registrare la loro presenza. Secondo fonti locali potrebbe esserci un nesso con l’esplosione di Zliten.

Dopo aver affermato il suo controllo nella città di Sirte, l’Isis sta tentando di sfruttare il caos in cui versa il paese per estendere l’area di influenza e di diretto controllo. Un fatto denunciato dal rappresentante Onu Marti Kobler che sta facendo pressioni perché quanto prima si formi un governo di unità nazionale così come da accordi raggiunti lo scorso dicembre in Marocco.

In altri svuluppi relativi all’Egitto, l’Isis ha rivendicato un attacco con il gasdotto utilizzato per esportare il gas verso la Giordania. I jihadisti hanno piazzato degli ordigni sotto le tubature in prossimità del villaggio di al-Midan, nel Sinai e hanno quindi rivendicato l’azione.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>