Socialize

Burundi: Unione Africana pronta a inviare 5000 peacekeeper, ma Bujumbura si oppone

    di  .  Scritto  il  21 dicembre 2015  alle  6:00.

Il Consiglio di pace e di sicurezza dell’Unione Africana ha approvato un piano per l’invio di 5000 peacekeeper in Burundi, “con o senza il consenso del governo”.  “L’Unione Africana non permetterà che si consumi un altro genocidio sul suo suolo” ha detto l’UA, riferendosi alle violenze che si stanno consumando e che stanno degenerando dallo scorso aprile.burundinkurunziza

Secondo fonti dell’Onu, dal mese di aprile 400 persone sono state uccise, 3.500 arrestate e 220.000 sono fuggite per il timore di violenze e di repressione.

La tensione è salita alle stelle da quando il presidente uscente Pierre Nkurunziza ha annunciato di candidarsi per un terzo mandato consecutivo alla guida dello Stato, suscitando l’ira dell’opposizione, le critiche della società civile e della maggior parte della comunità internazionale. Dopo la rielezione di Nkurunziza si sono susseguiti episodi di violenza, scontri e uccisioni, che destano grande preoccupazione.

La proposta dell’UA è quella di inviare una Missione africana di prevenzione e di protezione (Maprobu) per un mandato di sei mesi rinnovabile, allo scopo di proteggere le popolazioni civili e di accompagnare un dialogo tra le parti per uscire dalla spirale di violenza.

Philippe Nzobonariba, portavoce del governo di Bujumbura, ha dichiarato che le forze dell’UA “non possono invadere un paese senza autorizzazione”, lasciando presagire un braccio di ferro con l’istituzione.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *