Socialize

Siria: la Turchia abbatte un caccia russo, Mosca valuta controazioni

    di  .  Scritto  il  25 novembre 2015  alle  7:38.

I dati di fatto: ieri un caccia turco ha lanciato un missile contro un caccia russo al confine fra Turchia e Siria. L’accusa è che il caccia russo avrebbe violato per 17 secondi lo spazio aereo turco. Accuse rispedite al mittente da Mosca che ha annullato una visita in programma oggi ad Ankara da parte del ministro degli Esteri Sergei Lavrov e che ha annunciato non meglio specificate rappresaglie.siriacaccia

Negli sviluppi successivi, almeno uno dei due piloti che erano riusciti a lanciarsi con il paracadute è stato ucciso dai ribelli siriani; e stessa fine ha fatto un marine russo che stava partecipando a una missione di soccorso dopo che l’elicottereo su cui cui si trovava a bordo è stato colpito dai ribelli.

La Turchia ha chiesto la convocazione di un vertice straordinario della Nato e ha ottenuto la solidarietà degli alleati. Sia la Nato che l’Onu hanno però esercitato pressioni invitando le due parti ad abbassare i toni e a concentrarsi sull’obiettivo comune in questo caso rappresentato dall’Isis.

Da ieri la Turchia è il primo paese Nato ad aver abbattutto un caccia russo negli ultimi 50 anni. Notizia non da poco. Un fatto che però, secondo alcuni osservatori, non potrà passare senza controazioni di qualche tipo da parte russa. Lo stesso presidente russo Vladimir Putin ha chiaramente parlato di “coltellata alle spalle” e di “conseguenze”.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *