Socialize

Somalia: Shabaab sempre attivi, ma nell’ultimo attacco ‘mano tesa’ ai civili

    di  .  Scritto  il  2 novembre 2015  alle  6:00.

Forse è ancora presto per una valutazione approfondita, ma l’attacco rivendicato dagli al-Shabaab e organizzato nella notte tra sabato e domenica contro un hotel di Mogadiscio potrebbe rappresentare un cambio di strategia da parte del gruppo armato che tuttora controlla una buona parte della Somalia centrale e meridionale.Somaliakismayo

Nell’attacco sono rimaste uccise almeno 15 persone, tra cui un membro del parlamento, il proprietario dell’hotel e il generale Abdikarim Dhagabadan, che nel 2011 aveva guidato una grande offensiva contro gli stessi Shabaab.

Contrariamente ad analoghi attacchi, questa volta i guerriglieri hanno attaccato in piena notte, facendosi strada con due autobombe, ma evitando – proprio per l’orario scelto – ‘vittime collaterali’. Una scelta sbandierata anche nella rivendicazione e che secondo alcuni osservatori potrebbe rappresentare il tentativo di rafforzare l’immagine degli Shabaab a livello popolare.

L’attacco costituisce poi la prova evidente della forza che gli Shabaab sono ancora in grado di esprimere riuscendo a violare una zona considerata sicura. Prima di riprendere il controllo dell’Hotel Sahafi, forze governative e uomini della locale missione dell’Unione Africana hanno dovuto impegnarsi in un lungo conflitto a fuoco.

L’attacco è avvenuto all’indomani di scontro tra Shabaab e truppe dell’Unione Africana a Bakool, regione a ridosso del confine con l’Etiopia.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *