Socialize

Brasile: Economia, dopo declassamento di Standard & Poor’s si teme reazione a catena

    di  .  Scritto  il  11 settembre 2015  alle  6:00.

Il Brasile ha accusato il colpo arrivato nelle ultime ore dalla decisione dell’agenzia di rating statunitense  Standard and Poor’s di declassare i titoli del debito brasiliano da BBB- a BB+, facendo scivolare il Brasile sotto la soglia che (sempre secondo gli analisti dell’agenzia USA) definisce l’affidabilità come investimento di un titolo.brasilecristorendentore

Con quel ‘voto’ BB+ i titoli di Brasilia finiscono nella sezione “speculative grade”, ovvero acquistarli rischia di rappresentare un azzardo.

Il declassamento ha già provocato reazioni, il dollaro è salito rispetto alla moneta brasiliana e la borsa nazionale ha registrato una sessione molto negativa, ma molti analisti del grande paese sudamericano temono che la nota si S&P sia solo il primo passo di una reazione a catena.

Parlando al Jornal do Brasil, l’economista brasiliano Alex Agostini, della Austin Rating, ritiene che le altre due principali agenzie di rating Fitch e a Moody’s seguiranno la stessa tendenza e abbasseranno ulteriormente le stime sui titoli brasiliani. “E’ solo questione di tempo prima che si pronuncino. Hanno metodologie diverse ma la prospettiva temo sarà la stessa”.

Secondo Agostini lo scenario di turbolenze politiche ed economiche che sta attraversando il Brasile rischia di prestare il fianco alle operazione di speculatori, soprattutto nel settore finanziario e i prossimi giorni rischiano di essere molto difficili.

L’analista brasiliano aggiunge poi che se il declassamento era atteso, c’è stupore nel settore per la tempistica. La nuova nota di S&P, infatti, era atteso non prima della fine del 2015 inizio 2016.

Una riunione di emergenza del consiglio dei ministri è stata convocata dalla presidente Dilma Roussef per affrontare la situazione e le possibili conseguenze.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *