Socialize

Burundi: resa dei golpisti, Nkurunziza riprende in mano il paese

    di  .  Scritto  il  15 maggio 2015  alle  11:09.

Si è concluso con la resa dei golpisti e l’annuncio del fallimento del colpo di Stato la crisi apertasi mercoledì con il tentativo di rovesciare il governo da parte dell’ex capo dell’Intelligence,  Godefroid Niyombare, mentre il presidente uscente, Pierre Nkurunziza, si trovava in Tanzania per un vertice regionale straordinario dedicato alla situazione burundese.burundipierre-nkurunziza

Dopo due giornate convulse e segnate da alcuni scontri nella capitale, il generale Niyombaye e i suoi alleati  – tra cui il generale Cyrille Ndayirukiye e il commissario Vénon Ndabaneze – hanno comunicato di aver deposto le armi e di voler arrendersi, auspicando di “non essere uccisi”. Secondo fonti giornalistiche i golpisti sono stati arrestati e Nkurunziza sarebbe tornato in patria, dove si attende un suo discorso in giornata.

Ai militari ribelli sarebbe mancato un appoggio decisivo da parte delle forze armate, in maggioranza rimaste fedeli al presidente Nkurunziza.

Il tentato colpo di Stato è stato l’apice di una crisi che covava da mesi e che è esplosa dopo il 25 aprile, data dell’ufficializzazione della candidatura di Nkurunziza a un terzo mandato consecutivo.

Già dirigente della ribellione del Cndd-Fdd durante la guerra civile, Nkurunziza fu eletto una prima volta nel 2005 dal Parlamento, a ridosso degli accordi di pace. Nel 2010, dopo elezioni locali contestate dall’opposizione, l’elezione presidenziale fu boicottata dall’opposizione e vinta da Nkurunziza.

La volontà di ricandidarsi del capo di Stato, la cui gestione del potere è stata sempre più contestata negli ultimi anni, era stata messa in dubbio anche dalla comunità internazionale, prima del colpo di scena dei golpisti.

Gli ultimi avvenimenti potrebbero avere conseguenze sul calendario elettorale, che in teoria dovrebbe portare la popolazione alle urne il 26 maggio per le elezioni parlamentari e locali, e il 26 giugno prossimo  per le presidenziali.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *