Socialize

Italia: aspettativa per medici volontari contro ebola

    di  .  Scritto  il  22 dicembre 2014  alle  7:00.

Dicembre-ebolaAFRICA OCCIDENTALE – Fino a sei mesi di aspettativa, anche in deroga alle norme vigenti, saranno garantiti al personale medico o paramedico che intenda prestare la propria opera in Liberia, Sierra Leone e Guinea, i tre paesi dell’Africa Occidentale colpiti da un’epidemia del virus ebola.

Lo si apprende da una nota diffusa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, nella quale si precisa che “per agevolare l’essenziale opera dei volontari e cooperanti, il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale favorirà la rapida applicazione della previsione  della legge di stabilità”.

La norma ha accolto le richieste avanzate nei mesi scorsi da alcune delle organizzazioni umanitarie attive in campo sanitario impegnate in alcuni dei tre paesi colpiti dall’epidemia.

“La Farnesina – si legge ancora nella nota – considera prioritario fornire il proprio contributo, collaborando con i settori sanitario e delle ong, che rappresentano il meglio che l’Italia ha da offrire in termini di risorse umane per la lotta contro questo terribile virus”.

Il ministero ricorda di aver sinora stanziato 7,7 milioni di Euro a sostegno degli interventi del sistema delle Nazioni Unite e della Croce Rossa e di quelli delle Ong italiane per la cura delle popolazioni colpite.

La Cooperazione italiana, infine, sta già finanziando l’invio in Sierra Leone di un team di quattro biologi dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani presso il nuovo centro di trattamento di Emergency a Goderich, vicino a Freetown in Sierra Leone.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *