Socialize

Giappone: recessione? Shinzo Abe scioglie Parlamento e convoca elezioni per proseguire con “Abenomics”

    di  .  Scritto  il  19 novembre 2014  alle  6:00.

Scioglimento del parlamento e convocazione di elezioni anticipate per Dicembre: questa la ricetta con cui il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, intende rispondere alla recessione economica registrata dal Giappone.

Abe, intenzionato a tornare al governo con un ampio sostegno popolare per poter applicare le proprie politiche economiche (soprannominate dai media locali ‘abenomics’) che dovrebbero permettere di tirare fuori il giappone dalla recessione, ieri ha tenuto una conferenza stampa durante la quale ha annunciato che venerdì scioglierà il parlamento e che per metà dicembre il paese tornerà alle urne.giapponeabe

Il premier ha anche annunciato un nuovo rinvio dell’ulteriore aumento dell’IVA che sarebbe dovuto scattare a Ottobre 2015 e che invece è stato spostato ad Aprile 2017.

“Sono pienamente cosciente che queste elezioni saranno dure, ma ho bisogno di sentire la voce della gente. Se non riusciremo a mantenere la maggioranza mi dimetterò, perché vuol dire che la gente ha respinto le nostro ‘Abenomics” ha detto nella conferenza stampa.

La politica economica di Abe prevede, oltre al rinvio dell’IVA, un generale alleggerimento fiscale, una massiccia spesa del governo e varie riforme economiche.

Nei due anni di governo Abe, la Banca del Giappone ha pompato miliardi di dollari nell’economia nazionale senza tuttavia aver provocato risultati evidenti e cominciando, dopo l’uscita degli ultimi dati di recessione, a far sorgere più di una critica a fronte di risultati che tardano a venire e di un progressivo deterioramento dei bilanci pubblici.

Per questo Abe ha deciso di giocarsi il tutto per tutto, convinto che la sua filosofia sia “l’unica strada percorribile” per uscire dalla crisi.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *