Socialize

Siria: tregue umanitarie, Assad apre all’Onu

    di  .  Scritto  il  11 novembre 2014  alle  6:00.

In presenza dell’inviato speciale delle Nazioni Unite per il conflitto siriano, Staffan de Mistura, il presidente siriano Bashar al-Assad si è impegnato ieri ad esaminare una proposta per interrompere temporaneamente gli attacchi nella città di Aleppo e consentire l’accesso agli aiuti umanitari.siriadonna

De Mistura, in visita a Damasco, ha parlato della necessità di stabilire delle zone di cessate-il-fuoco per alleviare le sofferenze della popolazione locale, questione toccata anche dai rappresentanti di Russia e Stati Uniti.

L’inviato dell’Onu ha personalmente esposto la sua iniziativa ad Assad, che l’ha definita “meritevole di attenzione”, riferisce l’agenzia di stampa ufficiale Sana. In questo senso, il dirigente siriano ha ribadito l’impegno del suo governo per “la sicurezza dei civili in tutto il paese”. L’agenzia non è entrata nel dettaglio della proposta.

Inoltre, Assad ha sottolineato la necessità di unire le forze per “combattere il terrorismo in Siria e nella regione”, dal momento che “rappresenta una minaccia per il mondo intero”. Damasco, tuttavia, resta al di fuori della coalizione internazionale guidata da Washington per combattere lo Stato Islamico e altri gruppi estremisti. Il suo ruolo è inoltre contestato dal fronte dell’opposizione che dal 2011 lotta per la caduta dello stesso Assad.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *