Socialize

USA: rilasciati dopo 30 anni di prigione, sono innocenti

    di  .  Scritto  il  4 settembre 2014  alle  7:00.

prigionieriusaDue fratellastri con problemi di ritardo mentale sono tornati in libertà martedì dopo che la prova del DNA li ha definitivamente scagionati dalle accuse di aver violentato e ucciso una bambina che sono costate ai due 30 anni di carcere.

Un giudice della Contea di Robson (Stato della Carolina del Nord), infatti, ha stabilito che  Henry Lee McCollum, 50 anni (il prigioniero del North Carolina che ha passato più anni nel braccio della morte) e Leon Brown sono innocenti e non hanno niente a che fare con la violenza e l’uccisione nel 1983 dell’allora undicenne Sabrina Buie.

Entrambi vengono definiti oggi come “disabili mentali gravi” ed erano degli adolescenti quando nel 1983 vennero arrestati e accusati ingiustamente.

Sulla base di false confessioni, sul cui ottenimento alcuni chiedono si apra un’indagine, McCollum era stato condannato a morte e Brown all’ergastolo.

Le leggi del Nord Carolina oggi prevedono che gli interrogatori vengano ripresi con telecamere, ma all’epoca non era così.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *