Socialize

Ebola: segnali positivi da Guinea e Nigeria, coprifuoco a Monrovia

    di  .  Scritto  il  21 agosto 2014  alle  6:00.

Nonostante il virus dell’Ebola si stia estendendo nelle aree urbane e in nuovi paesi, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha affermato che segnali positivi di contenimento stanno giungendo dalla Guinea e dalla Nigeria, il primo e l’ultimo dei paesi in ordine di tempo ad essere stati interessati dall’epidemia.sierraleoneebola

In Nigeria, le autorità sanitarie sono riuscite a circoscrivere un piccolo focolaio di contagio collegato al primo caso registrato, un cittadino liberiano che era collassato al suo arrivo all’aeroporto di Lagoso e che era stato assistito senza le necessarie precauzioni.

In Guinea, secondo l’Oms, la situazione è ormai meno allarmante che in Liberia e Sierra Leone. La consapevolezza pubblica dei rischi legati a virus è molto più alta rispetto ai paesi confinanti e sono state trovate soluzioni innovative ed efficaci per esempio con il coinvolgimento di capi locali per superare le diffidenze degli abitanti di alcuni villaggi restti agli aiuti esterni.

Più grave appare invece la situazione in Liberia dove il governo ha imposto il coprifuoco notturno a un quartiere di Monrovia, la capitale. Su ordine della presidente Ellen Johnson-Sirleaf, gli abitanti dell’area di West Point non potranno abbandonare il quartiere tra le 21 e le 6 del mattino. La stessa Sirleaf, in un intervento radiofonico, ha criticato l’azione di prevenzione del suo governo.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>