Socialize

Cile: sciopero nazionale degli insegnanti contro la riforma dell’istruzione di Bachelet

    di  .  Scritto  il  10 giugno 2014  alle  6:00.

Il Collegio dei Docenti del settore pubblico in Cile ha convocato uno sciopero nazionale per il 25 giugno per mostrare il suo “rifiuto propositivo” alla riforma dell’istruzione della presidente Michelle Bachelet, che considerano “insufficiente”.cilebachelet

“Abbiamo convocato uno sciopero nazionale per il prossimo 25 giugno”, ha detto ieri in conferenza stampa Jaime Gajardo, presidente del Collegio dei Docenti.

Gli insegnanti hanno discusso sul primo pacchetto di leggi che Bachelet ha inviato al congresso per porre fine al profitto, al cofinanziamento e alla selezione degli studenti nelle scuole sovvenzionate, che secondo l’esecutivo segregano gli alunni in base alle origini socioeconomiche.

“Riteniamo che sia un progetto insufficiente e, sebbene sia ben orientato verso i suoi obiettivi, nella forma e nell’attuazione non garantisce la fine del profitto, il cofinanziamento e la selezione”, ha detto Gajardo, citato dalla locale radio Cooperativa.

Secondo Gajardo, il lasso di tempo da dieci a dodici anni per sradicare il cofinanziamento “è troppo lungo”, e si corre il rischio di far perdere all’istruzione pubblica ancora più studenti in favore delle scuole sovvenzionate che diventeranno fondazioni senza scopo di lucro.

Gli insegnanti mirano a rafforzare le misure che garantiscano la fine del lucro nelle scuole e a migliorare il finanziamento e la qualità dell’istruzione pubblica.

Oggi i professori marceranno insieme agli studenti universitari e secondari contro la riforma.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *