Socialize

Spagna: Obama pensa a Tarragona come magazzino di residui chimici siriani

    di  .  Scritto  il  10 gennaio 2014  alle  6:00.

(da Barcellona) Il presidente statunitense Barack Obama ha chiesto al premier spagnolo Mariano Rajoy di poter depositare residui chimici provenienti dalle armi chimiche siriane nel porto di Tarragona, in Catalogna. Si tratterebbe di 15 tonnellate di gas sarin e iprite, tra gli altri.statiunitiobama

Questi residui vengono pretrattati a bordo di una nave specializzata in alto mare tramite idrolisi per neutralizzare i componenti chimici e successivamente vengono trasferiti su altre imbarcazioni incaricate di scaricarli a terra. Secondo fonti diplomatiche citate dai media catalani, i residui non rappresenterebbero alcun pericolo poiché già inceneriti.

La richiesta, già respinta dall’esecutivo spagnolo, potrebbe essere ripresentata lunedì prossimo alla Casa Bianca, dove i due leader terranno un incontro. Scartato il porto di Tarragona, la seconda opzione di Washington sarebbe il porto di Rota, a Cadice. Obama ha formulato una simile richiesta anche a Italia e Francia.

Il processo di smantellamento dell’arsenale chimico siriano è iniziato martedì dopo il raggiungimento di un accordo in seno all’Onu. Una nave commerciale danese è salpata dal porto di Latakia, in Siria, scortata da fregate militari, con destinazione sconosciuta.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *