Socialize

Siria: rapiti pellegrini libanesi, un altro colpo agli equilibri regionali

    di  .  Scritto  il  23 maggio 2012  alle  7:01.

Un rapimento che rappresenta un altro colpo al Libano e ai suoi delicati equilibri interni. La vicenda degli undici cittadini libanesi e sciiti (altre fonti parlano di 13 persone) rapiti ieri poco dopo essere entrati in territorio siriano da presunti membri dell’Esercito siriano libero – quello che si oppone al regime di Bashar al-Assad – ha scatenato nuove proteste in Libano, in particolare a Beirut sud, la parte della capitale libanese abitata dagli sciiti.

Il rapimento, riferito da diversi media arabi e anche siriani, è stato confermato dalle donne che si trovavano a bordo dell’autobus fermato dai rapitori e lasciate libere di allontanarsi. Il gruppo di libanesi in viaggio era formato da pellegrini che avevano visitato alcuni luoghi sacri in Iran e che stavano facendo ritorno in Libano.

La diffusione della notizia è stata seguita da alcune azioni dell’esercito siriano e da dimostrazioni a Beirut che hanno portato alla chiusura di alcune strade. In serata lo stesso capo di Hezbollah – il principale movimento di riferimento della comunità sciita – è apparso in televisione per richiamare alla calma.

I rapimenti seguono di qualche giorno scontri a Tripoli tra fazioni opposte, pro e contro il regime siriano, e l’uccisione di un noto sceicco ad Akkar, nel nord del Libano, noto per per le sue posizioni anti-Assad. Tutti fatti finora circoscritti che gettano però un’ombra sugli attuali equilibri libanesi a sempre sensibili a quanto accade in Siria.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>