Socialize

Libia: verso il voto, tra decisioni e passi indietro

    di  .  Scritto  il  3 maggio 2012  alle  7:00.

Da tre giorni in Libia sono aperti i centri per la registrazione dei votanti che poi saranno chiamati alle urne a giugno per scegliere i parlamentari alla guida della nuova Libia. Sarà un voto difficile in un paese ancora diviso in fazioni e gruppi rivali.

Per superare queste divisioni il Consiglio nazionale di transizione (Cnt) aveva stabilito nei giorni scorsi di vietare la partecipazione di partiti di estrazione religiosa, etnica o tribale. Ma il testo definitivo diffuso ieri non contiene questi riferimenti. Di conseguenza partiti religiosi o formazioni che intendono spingere per una maggiore decentralizzazione potranno liberamente prendere parte alle votazioni.

Al contrario, il Cnt – presieduto da Mustafa Abduljalil –  ha ufficialmente vietato l’apologia del regime di Muammar Gheddafi: parlare bene del colonnello d’ora in avanti potrà essere considerato un reato. Le elezioni si dovrebbero tenere entro la fine di giugno, il condizionale resta però ancora d’obbligo.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *